Itinerari Storici






Da visitare

  • Palazzo Farrattini
  • Palazzo Petrignani
  • Chiesa rurale della Madonna delle cinque fonti
  • Chiesa di S.Pancrazio
  • Il Duomo

Amelia


(30Km. Tempo 30 min)
Amelia sorge arroccata su un colle roccioso.
E’ quasi per intero circondata da possenti ed antichissime Mura Poligonali (VI e IV sec. a.C.). Quest’opera monumentale è eccezionale per estensione, vetustà e stato di conservazione. Le mura preromane del VI sec. a.C., le più antiche,sono costituite da grandi blocchi calcarei e a differenza delle altre in superficie sono ancora allo stato grezzo. Il tratto preromano, del IV sec. a.C., è sicuramente il più scenografico e turisticamente attrattivo dell’intera cinta. Si estende,ai due lati della centralissima Porta Romana, per circa 800 metri, ed è formato da blocchi megalitici, detti poligonali per la loro forma, geometrica ma non regolare. Nella parte superiore, e in altri punti della cinta, l’opera difensiva è invece di periodo medievale. Oltre alle antichissime mura, le cisterne e le numerose case romane testimoniano l’importanza che Amelia rivestì durante l’impero dei Cesari. Oggi Amelia è una città dinamica e moderna, che ha saputo trarre vantaggio dalla favorevole ubicazione geografica per imporsi come centro agro-alimentare.



Da visitare
  • Narni sotterranea
  • Rocca dell’Albornoz
  • Piazza dei Priori
  • Il ponte di Augusto
  • Il Duomo


Narni


(22 Km. Tempo 23 min)
La cittadina e’ arroccata su un colle che si affaccia sulla stretta e suggestiva gola del fiume Nera,dominata dalla superba Rocca dell’Albornoz simbolo della potenza che ebbe Narni nel Medioevo. La cittadina fu importante centro degli Umbri con il nome di Nequinum e poi città romana (Narnia). Notevoli le testimonianze artistiche e archeologiche che ne fannouno dei centri umbri più affascinanti, primo fra tutti il ponte di Augusto,una delle più ardite opere dei Romani, insieme all’acquedotto della Formina,lungo ben 13 km.Il borgo medievale conserva intatta l’atmosfera del tempo nelle piazze,nei vicoli, nelle chiese e nei palazzi.In onore di San Giovenale, patrono della città, ogni anno si svolge la Corsa all’Anello, entusiasmante giostra cui si accompagnano manifestazioni culturali e folkloristiche e un suggestivo Corteo storico.



Da visitare

  • Pozzo di San Patrizio
  • Il tempio del Belvedere
  • Palazzo Comunale
  • Palazzo Soliani
  • Il Duomo


Orvieto


(80 Km. Tempo 58 min)
Orvieto sorge su una rupe di tufo che si solleva dai venti ai cinquanta metri dal piano della campagna.Le origini di Orvieto risalgono alla civiltà etrusca: i primi insediamenti, sono del IX° secolo a.C. e si localizzarono all’interno delle grotte tufacee ricavate proprio nel massiccio sul quale si erge la città. Visitarla è come attraversare la storia, perché vi si ritrovano, stratificate e concentrate le tracce di ogni epoca per quasi tre millenni.Un moderno e comodo accesso alla città: è fornito da un lato dalla funicolare, che nell’ottocento funzionava ad acqua, completamente ammodernata, e dall’altro da un ascensore e scale mobili che rendono facilmente accessibile il centro storico a cittadini e  turisti. Sul margine della rupe è posto il Pozzo di San Patrizio costruito tra il 1527 ed il 1537 per volere di Papa Clemente VII: La struttura, opera di Antonio da Sangallo è a doppia elica e raggiunge circa 60 metri di profondità.

Da visitare

  • Porta Romana
  • Chiesa di S.Giovanni
  • Chiesa di S.Francesco
  • Chiesa di S.Nicolò

Sangemini


(20 Km. Tempo 19 min)
Il centro di Sangemini sorge sui resti di un insediamento risalente all’epoca romana lungo l’antica via Flaminia.Noto in tutto il mondo per le terme e l’omonima marca di acqua minerale, il paese ben conserva il suo centro storico dalla morfologia e dall’aspetto tipicamente medievali. L’evento di maggior richiamo che si svolge a Sangemini è la Giostra dell’Arme, una rievocazione storica che nei giorni precedenti la festa del santo patrono (generalmente dall’ultimo sabato di settembre alla seconda domenica di ottobre) è occasione di gioco e di svago per gli abitanti – molti dei quali indossano abiti medievali. La festa culmina in una sfida tra cavalieri dei due rioni in cui è suddiviso il paese: la Rocca e la Piazza.

Da visitare

  • Rocca Albornoziana e ponte delle Torri
  • Il Duomo: Cattedrale di S.Maria Assunta
  • Piazza del Mercato
  • Chiesa di S.Pietro
  • Chiesa di S.Nicolò

Spoleto


(26 Km. Tempo 30 min)
La città ha origini antichissime (fine dell’età del bronzo). Nel V-IV secolo a.C. fu storicamenteoccupata dalla popolazione italica degli Umbri diventando un vero e proprio centro fortificato con un’imponente cinta muraria in opera poligonale. I resti delle cosiddette mura ciclopiche ne sono testimonianza.Il cardinale Albornoz nel 1362 ordinò la costruzione della Rocca (sulla sommità del colle sant’Elia), che include anche l’acquedotto del Ponte delle Torri. Nel periodo tra l’Unità e le due guerre mondiali, Spoleto fu sull’orlo di un collasso economico e demografico.Dal dopo guerra a oggi sono in atto considerevoli interventi di recupero e restauro che stanno restituendo alla città i suoi principali monumenti e che  hanno consentito di attivare numerose iniziative culturali.

Da visitare

  • Palazzo Spada
  • Il Duomo
  • Anfiteatro Romano
  • Chiesa di S.Francesco
  • Chiesa di S.Salvatore
  • Carsulae (16km da Terni)

Terni


(4Km. Tempo 13 min)
L’antica “terra tra due fiumi” (il Nera e il Serra), è la patria di San Valentino, patrono degli innamorati.La città ha origini antichissime.Numerosi sono i resti del periodo romano.Colpita ripetutamente da bombardamenti durante la seconda guerra mondiale oggi la città si presenta con uno stile decisamente moderno.Tuttavia Terni conserva parte del suo centro antico ed alcuni notevoli monumenti.






by elenco-alberghi.it